Categorie
Featured-Post-GrowthHacking-IT Growth Marketing & Growth Hacking (IT)

Quali sono i vantaggi dell’automazione delle vendite?

Quali sono i vantaggi dell’automazione delle vendite?

Nel settore delle vendite, l’efficienza è tutto e quindi, affinché tutto sia ben organizzato, è necessario ridurre al minimo le attività manuali. Ecco perché l’automazione delle vendite è utile.

Dove si può usare l’automazione delle vendite?

L’utilizzo dell’automazione delle vendite migliorerà l’efficienza degli addetti alle vendite, riducendo le attività non necessarie. Può essere implementata in molti modi, ad esempio

Per distribuire i lead

L’assegnazione dei lead ai rappresentanti di vendita è un compito quotidiano, in cui si discute della situazione e dei progressi compiuti. Si tratta di un’operazione gestibile quando i lead non sono molti, ma con l’aumentare della quantità di lead, aumenterà il numero di persone a cui verrà assegnato il compito, rendendo le discussioni molto caotiche. Il problema non è solo il caos, ma in questo processo possono andare persi alcuni lead, il che significa perdere opportunità di business. È qui che l’automazione delle vendite può aiutare. Analizzerà i dati in base alle vostre preferenze, distribuirà i lead in modo uniforme a ciascun rappresentante di vendita e vi darà risultati senza perdere alcun lead.

Priorità ai lead

Se vi chiedessero di scegliere tra ananas e mango, quale scegliereste? Probabilmente quello che soddisfa meglio le vostre papille gustative, giusto?

Lo stesso vale per i lead commerciali. È naturale scegliere il profilo del cliente che meglio si adatta alla vostra idea di business.

I lead possono essere classificati in base a:

  • Posizione
  • Informazioni personali: età, sesso, posizione lavorativa, ecc.
  • Intento di acquisto

Qualificazione del lead

È anche possibile classificare i lead in base alla loro qualificazione. Attribuite un punteggio più alto a quello più importante. In altre parole, è possibile filtrare i lead in base agli attributi che meglio corrispondono al profilo del cliente.

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

Coltivate i vostri contatti

È indispensabile capire che non tutti i lead sono pronti ad acquistare i vostri prodotti in una sola volta. La maggior parte di loro impiega del tempo per decidere se acquistare o meno il prodotto; da qui la necessità di coltivare i contatti, che significa rimanere in contatto con loro finché non acquistano qualcosa.

Non è facile, ma non impossibile. L’automazione delle vendite crea campagne di lead nurturing e utilizza diverse fonti per far arrivare le informazioni ai potenziali clienti in modo tempestivo, in modo che non perdano alcun aggiornamento.

Avvisi e trigger

Esistono due tipi di notifiche:

  • Avvisi – sono destinati ai rappresentanti delle vendite, che li ricevono quando i lead sono attivi sui social network. Ad esempio, quando aprono un’e-mail o visitano il sito web.
  • Trigger – è per i lead, se ad esempio aggiungono un prodotto al carrello ma non finalizzano l’acquisto, riceveranno un promemoria con offerte e sconti.

Rapporti

Sfortunatamente, i rappresentanti di vendita non impiegano il loro tempo in attività incentrate sulle vendite, ma svolgono anche attività amministrative. Poiché i rapporti automatizzati sono un must, utilizzano diversi tipi di rapporti:

  • Rapporto sull’imbuto di vendita
  • Rapporti di check-in e check-out
  • Rapporto sui lead contattati
  • Rapporto di follow-up
  • Rapporto sull’attività dell’agente
  • Rapporto obiettivi/ricavi

Dos’ e don’ts’ dell’automazione delle vendite

Fare: Test costanti

L’automazione delle vendite non può creare meraviglie in una sola volta, ma richiede continui test per ottenere i risultati desiderati.

Non fare: lasciare tutto all’automazione

Siamo tutti d’accordo sul fatto che l’automazione ci semplifica la vita e il lavoro. Molte aziende pensano che scrivere semplicemente un’e-mail generica sia sufficiente, ma questo è un grande no. La chiave è aggiungere un tocco personale alla comunicazione. Le persone sono alla ricerca di qualcosa che sia relazionabile, quindi prima di inviare un’e-mail o un SMS sarà meglio controllarlo e aggiungere tocchi personali.

Fare: assicurarsi che nessuna informazione sfugga alle maglie della comunicazione

Nelle aziende, per i diversi compiti vengono assegnati team diversi che di solito non condividono le informazioni tra loro, creando problemi in seguito. Per questo motivo, la centralizzazione dell’automazione delle vendite è importante per garantire che non ci siano perdite di dati.

Non esagerare con i promemoria e le notifiche

La chiave è la moderazione. Esiste una linea sottile tra l’invio di promemoria e l’invio di spam ai clienti. Non affidate tutto all’automazione, anche se cronometrate ogni cosa, verificate ogni tanto se è opportuno inviarla in quel determinato periodo.

Fare: rivedere costantemente i dati e i registri

Il follow-up è tutto. Rivedere i vostri dati vi darà un altro pezzo di informazione che vi mancava e il puzzle sarà completato.

Riflessioni finali

L’automazione delle vendite è stata creata per facilitare il lavoro dei rappresentanti. Ma non bisogna dimenticare che affidarsi completamente ad essa non sarà utile. Pertanto, la chiave del successo è la divisione armoniosa del lavoro tra automazione e personale.

Categorie
Featured-Post-GrowthHacking-IT Growth Marketing & Growth Hacking (IT)

I Vantaggi Dell'”Effetto Gancio” Nella Strategia Di Branding

I Vantaggi Dell'”Effetto Gancio” Nella Strategia Di Branding

Scopo dell’effetto hook

Quando si tratta di utilizzare la strategia del gancio nel vostro ambiente di marketing digitale, tenete presente che tutti i vostri contenuti, grafici o testuali, devono essere ben allineati. È meglio riunire il team creativo e iniziare a elaborare i ganci per i vostri potenziali clienti. Questa strategia ha maggiori probabilità di ottenere nuovi clienti, piuttosto che concentrarsi su quelli fedeli. Aggiornare la propria base di clienti è sempre necessario, soprattutto quando si vuole riproporre anche il proprio contenuto digitale.

Cosa fa l’effetto gancio

La strategia in sé suona già come se dovesse attirare il cliente. Ebbene, è proprio quello che sembra. Quando si pensa a una strategia di aggancio, bisogna tenere presente che le emozioni giocano il ruolo principale. È un fatto psicologico ben noto che le emozioni di un individuo lo spingono a premere il pulsante “acquisto”.

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

I pesci nell’oceano

In uno dei nostri articoli abbiamo parlato in dettaglio di tagline e slogan. Proprio questi tagline e slogan sono il primo elemento che un cliente vede prima di attaccarsi all’amo. Quando cercate una nuova base di clienti, assicuratevi di fornire al vostro copywriter un brief chiaramente organizzato sul pubblico target. Molti marchi tendono a commettere l’errore di pensare che ci siano molti pesci nel mare e che i nuovi clienti si avvicinino da soli al loro marchio. Non è certo questo il caso.

Le emozioni guidano l’azione

Per quanto entusiasti possiamo essere nel nostro business e nel marketing, sono comunque i profitti a mostrare il nostro successo in termini numerici. È curioso che una cosa astratta come l’emozione determini il nostro successo numerico. Qualunque cosa scegliate di usare come presentazione grafica per i vostri contenuti a gancio, renderli troppo organizzati e professionali non farà altro che annoiare il cliente e lasciare una sensazione di roboticità alla comunicazione. Questo sarà un destino funesto per la nostra comunicazione e per le vendite allo stesso tempo.

Un esempio di aggancio

Vediamo un esempio astratto di cosa può essere la strategia di aggancio. Supponiamo che il vostro marchio produca calzini. Calzini normali, caldi e di lana. Ora, dovete trasformarli in qualcosa di più di semplici calzini. Dovete dargli un significato e un’emozione, in modo che il cliente provi un sentimento nostalgico che lo spinga ad acquistare il vostro prodotto. Esaminiamo le varie fasi:

– Raccogliere informazioni sul tipo di sentimento che il vostro pubblico target può provare in relazione ai calzini di lana. Forse si tratta di una generazione che era solita farsi confezionare in casa i capi di abbigliamento in maglia, compreso il vostro prodotto, ad esempio dalle nonne.

– Pensate a uno slogan e a una tagline. Tenete presente che una tagline vende il vostro marchio, mentre uno slogan vende il vostro prodotto. Per quanto riguarda la tagline, trovate un’emozione o un’esperienza a cui il vostro marchio possa essere collegato. Per quanto riguarda lo slogan, se puntiamo sulla storia e sulle intuizioni della nonna, “Just Like Grandma’s” si adatta perfettamente all’occasione.

– Definite l’estetica del vostro design visivo. Volete che sia fotografato? O forse creare un’arte vettoriale? Dipende dal vostro pubblico di riferimento e dalla sua estetica preferita. Se, ad esempio, i destinatari sono appassionati di macchine fotografiche a pellicola, sarebbe interessante utilizzare una fotografia modificata con uno stile simile a quello dei prodotti per macchine fotografiche a pellicola.

Fare in modo che tutto si unisca

Il prodotto finale, che dovrebbe attirare il cliente ad acquistare i vostri prodotti, deve essere ben assemblato e il concetto deve essere chiaro e comprensibile. Tutto ciò che è fuori contesto si noterà facilmente. Assicuratevi di creare strategie di aggancio sulla stessa idea di base, ma attraverso mezzi diversi. Può trattarsi di un post SMM, di un post sul blog, di una stampa, di un cartellone pubblicitario ecc. Tuttavia, tutti gli elementi devono mostrare una connessione con lo stesso concetto. Questo stesso concetto, costruito sulla fiducia emotiva, porterà sicuramente benefici alle vostre vendite e alla vostra comunicazione.

Cosa offriamo

Per altri articoli interessanti, scorrete le nostre pubblicazioni su Edana. E non dimenticate di controllare i nostri servizi per ottenere assistenza professionale dalla vostra agenzia digitale svizzera. Le nostre competenze includono il Growth Hacking e molto altro. Sentitevi liberi di contattarci in qualsiasi momento!

Categorie
Featured-Post-GrowthHacking-IT Growth Marketing & Growth Hacking (IT)

Usare il Growth Hacking Per Una Migliore Esposizione Del Marchio

Usare il Growth Hacking Per Una Migliore Esposizione Del Marchio

Importanza del Growth Hacking

Quando si sente la parola “Hacking”, probabilmente si pensa a tutte le notizie e gli articoli ad essa collegati che gridano all’ILLEGALITÀ, ma in questo caso il Growth Hacking è davvero lontano da queste associazioni. Il Growth Hacking (noto anche come “Growth Marketing”) è l’uso di tattiche di marketing digitale a basso costo e con poche risorse per contribuire alla crescita e alla fidelizzazione di una base di utenti attivi, alla vendita di prodotti e all’acquisizione di visibilità. Il growth marketing si concentra sulla creazione di relazioni con i clienti e sulla loro fidelizzazione; si tratta di una strategia a lungo termine in cui l’autenticità e il coinvolgimento creano un’advocacy e fanno crescere organicamente il valore della vita del cliente. È inoltre necessario ricordare che il growth hacking/marketing consente di utilizzare le tecnologie innovative al meglio.

Strategie moderne:

Ecco 7 strategie di Growth Hacking che si sono dimostrate efficaci e che sono attualmente di tendenza:

– Riproposizione dei contenuti

– Ottimizzare la presenza online

– Ottenere referral

– Gamificare l’onboarding

– Connettersi con la propria comunità

– Ottenere un vantaggio sui social media

– Utilizzare contenuti interattivi

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

Riproposizione dei contenuti

Il repurposing dei contenuti consiste nel riutilizzare contenuti esistenti e presentarli in un nuovo formato per ampliarne la portata e la durata. Quando create nuovi contenuti, potete pianificare una varietà di modi diversi per condividere un nuovo pezzo con il repurposing dei contenuti.

Ottimizzazione della presenza online

L’ottimizzazione dei contenuti è il processo che consiste nell’assicurarsi che i contenuti siano scritti in modo da raggiungere il maggior numero possibile di destinatari. Il processo di ottimizzazione dei contenuti deve includere la presenza di parole chiave associate, l’aggiunta di tag meta e titolo e di link pertinenti.

Referral

Il referral marketing è esattamente quello che sembra: il processo in cui una persona segnala un prodotto e il destinatario acquista quel prodotto grazie a quella raccomandazione.

Gamificare l’onboarding

La gamification nell’onboarding consiste nell’aggiungere elementi che rendono l’esperienza più divertente, competitiva o incentivata da varie ricompense a qualsiasi compito che l’utente deve completare per diventare “attivato”.

Contenuto interattivo

Il contenuto interattivo è qualsiasi tipo di materiale che trasmette il suo messaggio incoraggiando la partecipazione dell’utente. Grazie ad essa, l’esperienza del contenuto si evolve dal consumo passivo al coinvolgimento attivo. L’interattività può comparire in calcolatori, quiz, ebook, video e infografiche animate.

Connessione con la comunità

L’attenzione del marketing deve essere rivolta alla creazione di clienti, comunità e team, dove la comunità può concentrarsi e convalidare i vostri sforzi di marketing. La costruzione della comunità si basa quindi sul passaparola, sul rapporto che condividete con i vostri clienti, sulla credibilità e sulla fedeltà al marchio.

Il vantaggio dei social media

I social media sono uno dei metodi di marketing digitale più efficienti in termini di costi, utilizzati per diffondere contenuti e aumentare la visibilità della vostra azienda. L’implementazione di una strategia di social media aumenterà notevolmente il riconoscimento del vostro marchio, poiché vi impegnerete con un ampio pubblico di consumatori.

Il Growth Marketing come strumento multifunzionale

Abbiamo presentato sette modi in cui il Growth Hacking può essere utilizzato per migliorare l’esposizione del marchio e per dargli vantaggi evidenti su una piattaforma digitale, il che dimostra perfettamente la sua natura multifunzionale. Per quanto riguarda le tendenze, la gamification è uno dei modi principali per creare un contenuto interattivo, coinvolgere il cliente e fornirgli qualcosa di divertente, a cui vorrebbe dedicare il proprio tempo. Tuttavia, dipende sempre dal pubblico di riferimento, perché una sola strategia non può sempre intrattenere tutti. Ecco perché ci sono tante opzioni tra cui scegliere e tante altre strategie per creare progetti di prospettiva. Un altro aspetto importante da non dimenticare del growth hacking è che vi aiuta ad agire e reagire più rapidamente! Su una piattaforma digitale, gli algoritmi in costante evoluzione e le classifiche competitive orientate ai click ci costringono a essere molto in sintonia con le nostre decisioni di marketing, quindi avere l’assistenza del Growth Hacking/Marketing è come una carta vincente nella manica.

Cosa offriamo

Assicuratevi di consultare altre interessanti pubblicazioni su Edana e per ulteriori informazioni dettagliate sul Growth Hacking assicuratevi di controllare i nostri servizi, sentitevi liberi di contattarci in qualsiasi momento!