Categorie
Branding (IT) Featured-Post-BrandStrategy-IT

L’importanza del portafoglio marchi

L’importanza del portafoglio marchi

Avere un portafoglio marchi significa avere molti marchi popolari sotto un unico grande marchio.

Vantaggi di un portafoglio marchi

Avere un buon portafoglio marchi offre molti vantaggi, come ad esempio:

  • Lavorare su molti mercati diversi
  • Lavorare con consumatori diversi
  • Creare una promozione incrociata tra i marchi
  • Costruire la credibilità di nuovi marchi utilizzando quelli già affermati.

Tipi di modelli di portafoglio marchi

Esistono due tipi di modelli di portafoglio marchi. Uno è chiamato “house of brands” e l’altro è il modello “branded house”.

Il modello House of brands significa che tutti i marchi operano separatamente. In molti casi i consumatori non si rendono nemmeno conto che i marchi che utilizzano sono di proprietà di un unico proprietario, a causa della loro diversità. Ad esempio: Coca-cola, uno dei marchi di bevande analcoliche più popolari al mondo, possiede diversi altri marchi, come Fanta, Sprite, Dasani, Smartwater ecc.

Nell’ambito del modello branded house rientrano i marchi che hanno un legame con il marchio principale, pur operando in modo autonomo. Ad esempio, federal express, che possiede molti marchi diversi, come FedEx office, FedEx express, FedEx ground e così via.

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

Creare una strategia di portafoglio marchi

Esistono aziende sul mercato che utilizzano la combinazione di due modelli riconosciuti di portafoglio marchi. Si tratta del cosiddetto modello ibrido. Ad esempio, l’azienda più famosa, Microsoft, è il rappresentante del modello ibrido, in quanto ha molti marchi sotto il suo nome, come Microsoft Office e Microsoft Azure, e gestisce separatamente il marchio Xbox.

Passiamo ora alla parte strategica vera e propria. Forse sapete che l’analisi regolare del portafoglio marchi è molto importante per il successo dell’azienda. L’analisi valuta le prestazioni di ogni singolo marchio, ma prima di questo è necessario valutare il mercato stesso e confrontare le proprie prestazioni con le esigenze del mercato.

Quando si sviluppa una strategia di portafoglio marchi, è necessario prendere in considerazione i seguenti aspetti:

  • Quali sono le esigenze del mercato
  • Come si possono differenziare i marchi esistenti
  • Quale ruolo svolge la potenziale acquisizione
  • Qual è la tolleranza al rischio e quali sono i rischi dell’acquisizione proposta?
  • Se un nuovo marchio acquisito danneggia in qualche modo quelli già esistenti.

Suggerimenti per una strategia di portafoglio marchi di successo

Creare una strategia di portafoglio marchi che sia la più efficace è davvero difficile. Ecco 10 linee guida per una strategia di portafoglio marchi ben definita:

  1. Avere un ruolo ben definito e soddisfare le aspettative dei clienti

È molto importante avere un ruolo ben definito per ogni marchio e tenere conto delle esigenze dei clienti per avere successo.

  1. Identificare i marchi strategici

Non tutti i marchi avranno lo stesso livello di successo, quindi prima di tutto è necessario identificare quali sono quelli che portano di più al tavolo e utilizzarli come fattori trainanti per sostenere le attività principali in futuro.

  1. Comprendere il ruolo dei sottomarchi

Quando decidete di lanciare una nuova offerta, dovrete capire quale ruolo svolgono i sottomarchi e quanta distanza è necessaria.

  1. La strategia del portafoglio marchi è collegata alla strategia aziendale

Dovete definire chiaramente la vostra strategia aziendale utilizzando il portafoglio marchi per sostenere le direzioni di crescita.

  1. Trovare i differenziatori di marca

Significa trovare qualsiasi attività, servizio o programma per creare un punto di differenziazione dall’impatto significativo.

  1. Usare più energia

Alcuni marchi già noti sul mercato possono essere affaticati, quindi è importante utilizzare degli energizzanti di marca per dare nuova energia al marchio.

  1. Sfruttare i marchi forti

Ottenere opportunità di ampliamento che aumentino l’energia di visibilità e la comunicazione è un must per il successo futuro.

  1. Estensioni verticali rischiose ma talvolta necessarie

Si potrebbe dire che le estensioni verticali sono rischiose, ma in realtà a volte sono necessarie per creare nuovi marchi.

  1. Un marchio aziendale

Un marchio aziendale può diventare un padrone potente a patto che abbia qualcosa di significativo e positivo, sia esso un patrimonio, degli asset, dei valori e così via.

  1. Ridurre le dimensioni del portafoglio

È importante non creare marchi che non hanno alcun valore per l’azienda. Di conseguenza, è importante eliminare i marchi che non hanno alcun ruolo.

Conclusione

Avere un buon portafoglio marchi equivale al successo e dà nuova luce all’identità del marchio.

Categorie
Featured-Post-BrandStrategy-IT Web Agency in general

Cos’è il Brandjacking e come evitarlo?

Cos’è il Brandjacking e come evitarlo?

Che cos’è il brandjacking?

Il brandjacking è un vero e proprio grattacapo per molte imprese, soprattutto per i leader di settori specifici. Si tratta di un’attività di un altro gruppo o individuo che consiste nell’acquisire l’identità online di un’altra impresa, con lo scopo di rubare il valore e l’autorità del marchio. Il furto dell’identità del marchio è molto più comune di quanto si possa pensare. E per lo più avviene con campagne online.

Esempi di Brandjacking

Un individuo che pratica il brandjacking può cercare di utilizzare la reputazione dell’azienda bersaglio per scopi personali o cercare di danneggiarla per motivi ridicoli. Alcuni di questi possono essere anche motivi di campagna politica. Questo è il modo in cui funziona attualmente la cultura dell’annullamento e il brandjacking può diventare il principale fattore di rischio: ad esempio, la pubblicità negativa di una celebrità può portare alla rescissione del contratto di ambasciatore del marchio, ma l’azienda stessa rischia di subire perdite maggiori dal punto di vista finanziario e dell’autorità.

Chiaramente, una reputazione danneggiata porta alla perdita della base di clienti e diminuisce anche le possibilità di ottenere nuovi contatti. In questi casi, alcuni marchi devono reinventarsi completamente dopo la crisi.

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

I grandi marchi vengono danneggiati

Più grande e più influente è l’azienda, più alte sono le possibilità di diventare un bersaglio del Brandjacking. Negli anni passati, aziende come Starbucks sono diventate bersagli molto importanti. In questo paragrafo discutiamo di esempi più specifici.

– Nel 2013 Coca-Cola ha fatto la parodia della campagna “Il gusto amaro dello zucchero” realizzata per Oxfam (Paesi Bassi), sottolineando le sue pratiche commerciali insostenibili.

– Starbucks si è trovata in una situazione difficile quando è stato pubblicato un video su You Tube che sottolineava i concetti di consumo e povertà in relazione alla sua campagna sul Frapuccino. Un bel disagio, no?

– Anche i blog falsi sono una grande fonte di Brandjacking. I profili dei social media e i blog falsi sono usati più comunemente per danneggiare l’immagine di un personaggio politico specifico o di una celebrità.

– L’affiliate brand bidding è comunemente utilizzato dai marketer affiliati. Queste tattiche sono anche chiamate Black Hat SEO non etico. Per una descrizione più dettagliata, consultate il nostro articolo sulle strategie SEO white e black hat.

Come evitare il Brand Jacking?

È sempre meglio evitare queste interazioni piuttosto che affrontarle dopo che sono avvenute. Ecco alcuni consigli per evitare il Brandjacking:

– Registrazione di nomi di marchi preventivi come nickname sui siti di social media.

– Rimanere vigili.

– Utilizzate gli strumenti di monitoraggio dei social media per controllare la comparsa di qualsiasi caso relativo.

– Intraprendere tempestivamente azioni legali al primo segnale di possibilità di Brandjacking.

Furto di identità e clonazione

Ora, potreste pensare: cosa c’è di peggio del Brandjacking in generale, ma vi assicuriamo che il furto di identità è un’altra crisi. Ovviamente un’altra persona non può spacciarsi completamente per voi, ma può comunque cercare di ottenere le vostre caratteristiche, giusto? In questo caso, l’autenticità del marchio è chiaramente in pericolo.

Il furto di identità nel marketing può essere esemplificato dal fatto che i marchi cercano di copiare le strategie di campagna, le tagline e gli slogan degli altri. Inoltre, i nomi dei marchi sono troppo simili. Per essere sicuri di non incorrere in controversie legali contro queste aziende, che sono fondamentalmente dei copiatori, assicuratevi che i vostri prodotti e i vostri disegni o anche gli elementi testuali di base siano protetti da copyright.

Discutere in seguito su chi abbia avuto l’idea per primo non servirà a nulla. Una volta che avete il brevetto della vostra produzione, le argomentazioni diventano molto più facili. Dopo tutto, chiunque può dire che l’idea iniziale è stata mia, giusto? Quindi, assicuratevi che i documenti legali relativi alle vostre proprietà intellettuali siano sicuri per evitare queste situazioni spiacevoli.

Cosa offriamo

Per altri articoli simili, assicuratevi di scorrere le nostre pubblicazioni su Edana. E non dimenticate di controllare i nostri servizi per ottenere assistenza di livello esperto dalla vostra agenzia digitale svizzera. Le nostre competenze includono servizi di ingegneria del software e molto altro. Non esitate a contattarci in qualsiasi momento!

Categorie
Branding (IT) Featured-Post-BrandStrategy-IT Growth Marketing & Growth Hacking (IT)

Perché Dovreste Espandere La Cultura Del Vostro Marchio 

Perché Dovreste Espandere La Cultura Del Vostro Marchio 

Avere una nicchia

Nei nostri articoli precedenti abbiamo parlato del tono e della voce del marchio e dell’importanza dell’autorità del marchio, ma ora parliamo della cultura del marchio. La cultura del marchio è la cultura che un’azienda coltiva per portare il proprio marchio sul mercato in modo potente, coerente e competitivo. È il modo in cui le persone lavorano insieme per rendere vivo il marchio per i clienti.

La cultura conta

Proprio come nella vita reale, la cultura ha un grande valore nella vita quotidiana, anche la cultura del marchio ha un valore nella sua esistenza quotidiana. Una forte cultura del marchio aiuta le aziende a generare margini più elevati, a promuovere l’adesione dei clienti, ad attrarre i talenti giusti e a stringere alleanze chiave. Questo crea un circolo virtuoso di crescita che si traduce in un maggiore valore per gli azionisti. La cultura va oltre, determinando di fatto se un marchio è percepito bene sia dai dipendenti che dai clienti. La cultura influenza le decisioni del management e tutte le funzioni aziendali, dalla produzione alla pubblicità, fino alla contabilità. La cultura di un’azienda influenza i dipendenti che interagiscono direttamente con i clienti.

Non solo clienti

Come già detto nel paragrafo precedente, la cultura di un’azienda influenza anche i dipendenti. A volte un’azienda presta tutta l’attenzione ai clienti a costo di dimenticare completamente gli interessi dei propri dipendenti. Per tradurre questo concetto nella vita quotidiana, è come essere una madre molto gentile con i figli degli altri e dimenticare di portare a tuo figlio il cioccolatino che ha chiesto alla fine della giornata. Questo è un esempio molto elementare, ma immaginate come potrebbe un dipendente insoddisfatto dare il miglior esempio di cultura del marchio ai vostri clienti.

{CTA_BANNER_BLOG_POST}

Impegno dei dipendenti

Un dipendente, indipendentemente dalla sua posizione, deve essere ben informato sulle strategie generali del marchio, sulla sua personalità e sugli interessi dei clienti. Alcune grandi aziende, a un determinato livello del loro sviluppo, iniziano ad avere una certa gerarchia malsana tra i dipendenti ed è facile da individuare: basta notare che ci sono alcuni individui che non sembrano essere al passo con le opinioni e le idee degli altri e questo causa loro confusione, che poi porta all’isolamento a livello personale e professionale. Ora, non è sempre la soluzione migliore adottare l’approccio “Siamo una famiglia”, ma rendere evidente che tutti i dipendenti sono parte importante del team e che i loro punti di vista e le loro idee sono importanti è fondamentale per uno spazio di lavoro sano. La cosa divertente è che a volte un dipendente che non sa nulla di design grafico, ad esempio, potrebbe lanciare una grande idea dal nulla, pur essendo specializzato in un segmento finanziario, ma le idee potrebbero essere ovunque e voi dovreste ascoltarle.

Vogliono restare

Che si tratti di un cliente o di un dipendente, tutti vogliono avere un motivo per restare. Parlando dal punto di vista di entrambe le parti, i continui cambiamenti nell’ambiente non danno altro che confusione e frustrazione. In fondo, siamo tutti alla ricerca di un ambiente sicuro e stabile. Allo stesso modo, un dipendente è sempre alla ricerca di un lavoro stabile in cui sentirsi bene e un cliente vuole avere un prodotto o un servizio preferito per il quale non deve pensarci due volte. Una buona cultura del marchio vi aiuta a diventare un’azienda in cui i dipendenti non odiano andare il lunedì (siamo onesti: il lunedì è così automaticamente noioso che renderlo amabile è un miracolo) e che i clienti non temono di contattare per problemi o buone notizie.

Cultura aziendale ad alte prestazioni

Con il giusto atteggiamento e una strategia di lavoro intelligente è possibile creare un’eccellente cultura organizzativa in cui tutti sono in sintonia. Una cultura ad alte prestazioni ha comportamenti che portano la vostra organizzazione a raggiungere risultati superiori, stabilendo obiettivi aziendali chiari, definendo con attenzione le responsabilità dei dipendenti, creando uno spazio di lavoro fiducioso e incoraggiando i dipendenti a crescere e reinventarsi continuamente.

Cosa offriamo

Assicuratevi di scorrere altri interessanti articoli delle nostre pubblicazioni su Edana e non dimenticate di cercare tra i nostri servizi che includono servizi di branding/re-branding e molto altro. Sentitevi liberi di contattarci in qualsiasi momento!